I 50 anni di Antonio Terracciano e una storia da raccontare

8 maggio 2018

Anche in azienda si festeggiano i compleanni.
Lasciateci fare una piccola parentesi su una storia personale che racconta successi e soddisfazioni, ma anche tanti sacrifici. Antonio Terracciano festeggia i suoi primi 50 anni e, per l’occasione, ha scelto di unire ancora una volta in una cena tutte le persone vicine, sia professionalmente sia nella vita che, mai come in questo caso, tendono a congiungersi.

Non un evento formale ma un’occasione di incontro “per augurarci altri anni così.”
Antonio, il più grande dei tre fratelli Terracciano, arruolandosi a 22 anni nell’Arma dei Carabinieri, inizialmente sembrava aver preso una strada differente rispetto a quella della famiglia, ma il richiamo delle radici ha avuto la meglio; deve esserci stato qualcosa che è sembrato indicargli la strada giusta, un segnale di fiducia. Era il 1992 e Antonio corse a dare la sua mano, fondamentale, al progetto di papà Carmine e del fratello Giuseppe. Da allora, non ci sono mai stati dubbi, mai un ripensamento. Passato, come dice lui stesso “da apprendista ad imprenditore”, Antonio grazie al suo carattere, che gli ha permesso di inserirsi nella realtà del nord, oggi gestisce l’azienda “da lontano”.

È inevitabile ripercorrere una parte della sua vita che ha segnato un passaggio fondamentale. “In questo momento, poter festeggiare i miei 50 anni, almeno metà dei quali spesi nella mia azienda, è motivo di grande orgoglio. Mi spinge a tracciare un bilancio più che positivo.”

È stata una serata che ha unito. “Da qui ho voluto tracciare un punto d’arrivo e di ripartenza. L’ingrediente segreto del successo? Guardare al domani con ottimismo. Credere nelle proprie scelte e portarle avanti.”

Auguri Antonio