Tgroup. Il Transport logistic da una prospettiva unica

10 giugno 2019

Avvicinare Tgroup ai mercati internazionali. L’esperienza al Transport logistic ci ha aperto una prospettiva inaspettata: le aziende hanno bisogno di unicità. Ci stiamo avvicinando pian piano ai mercati internazionali e abbiamo modo di pensare che l’unicità delle caratteristiche di Tgroup siano state comprese dalle aziende con cui ci siamo relazionati.

Nei quattro giorni di fiera abbiamo massimizzato le occasioni di incontro con partner d’eccezione: Giuseppe Terracciano e Eugenio GrimaldiExecutive Manager Commercial & Logistic Grimaldi Lines, Maurizio Amato e Francesco AbateDirettore ALIS Service – con cui condividiamo la necessità di organizzare servizi di trasporto combinabili, modulari anziché standardizzati – Antonio Terracciano e Maurizio Amato con uno scambio “interno” sul riscontro in fiera.

Per gestire un confronto aperto e continuativo ed instaurare partnership bidirezionali la conoscenza dell’altro diventa prerequisito rispetto ad ogni azione commerciale. Questo approccio ci porta al rafforzamento della fiducia con i partner, di fondamentale importanza poiché in questo settore puntando su un posizionamento geografico studiato, con i partner giusti si può ottenere veramente tanto.

I valori che abbiamo coltivato e preservato contro ogni “forma aziendale” che cercava in qualche modo di limitarci entro schemi prettamente economici l’abbiamo rifiutata.
Aprirsi ad opportunità, rispondere a nuovi stimoli, recepire con sensibilità le tematiche ambientali. Oggi, alle aziende viene richiesta una reputazione di brand che sia supportata da interventi credibili, concreti. Ma possiamo fare ancora di più.

Riuscire a preservare queste caratteristiche anche in campo internazionale è un obiettivo.
La strada del “futuro prossimo” ha messo i primi passi in Europa.